Modello Persone Fisiche (ex Modello Unico) per la Dichiarazione dei Redditi

 

Il CAF U.C.I. di Genova si occupa della compilazione e dell’invio telematico della Dichiarazione dei Redditi – Modello Redditi Persone Fisiche (ex Modello Unico).

Devono utilizzare il modello Redditi Persone fisiche (ex Modello Unico) i contribuenti che hanno conseguito redditi nel periodo di imposta di riferimento sui quali l’imposta si applica separatamente, che devono presentare la dichiarazione dei redditi per conto di contribuenti deceduti, che non hanno presentato il Modello 730, che sono lavoratori dipendenti che hanno cambiato datore di lavoro nel 2019 e hanno più certificazioni di lavoro dipendente o assimilati o ancora che sono lavoratori dipendenti e che hanno percepito dall’INPS o da altri Enti somme e indennità e somme quale integrazione salariale o ad altro titolo, se erroneamente non sono state effettuate le ritenute o se non sussistono le condizioni di esonero.

E’ esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente redditi derivanti dall’abitazione principale e sue pertinenze, da lavoro dipendente o pensione, da rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, compresi i lavori a progetto (a condizione che gli stessi siano corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato a effettuare le ritenute d’acconto, ovvero, se corrisposti da più sostituti, purché vengano certificati dall’ultimo che ha provveduto ad effettuare il conguaglio), redditi esenti, redditi soggetti a imposta sostitutiva e redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta. Sono inoltre previste ulteriori cause di esonero dalla presentazione della dichiarazione sulla base di limiti di reddito e al verificarsi di determinate condizioni. Nei casi in cui non sono obbligati, i contribuenti possono comunque presentare la dichiarazione dei redditi per far valere eventuali oneri sostenuti, deduzioni e/o detrazioni non attribuite o attribuite in misura inferiore a quella spettante, oppure per chiedere il rimborso di eccedenze di imposta derivanti dalla dichiarazione presentata nel periodo d’imposta di riferimento o da acconti versati nello stesso periodo.

Prezzi servizio online UNICO

€ 90
Modello PF

€ 45
Modello PF (precompilato)

La documentazione necessaria per il Modello Redditi PF (ex Unico)

Elenco documenti Dichiarazione dei Redditi da presentare per il 730

  • CARTA D’IDENTITÀ di ciascun contribuente;
  • DICHIARAZIONE DEI REDDITI copia dell’ultima dichiarazione dei redditi (730 o REDDITI PF) presentata;
  • CODICE FISCALE del coniuge e dei familiari A CARICO (nel caso in cui l’anno precedente la dichiarazione sia stata presentata tramite i nostri uffici, è necessario solo in caso di nuovi familiari a carico);
  • VISURA CATASTALE degli immobili (terreni e fabbricati) o, in alternativa, atto d’acquisto (tali documenti non servono nel caso tali dati siano già in nostro possesso);
  • CERTIFICAZIONE UNICA – CU (CERTIFICAZIONE DEL REDDITO) modello/i di certificazione del reddito di lavoro dipendente, di collaborazione, di pensione, di lavoro autonomo, disoccupazione, mobilità, cassa integrazione, maternità, somme percepite dall’INAIL a titolo di indennità temporanea relativo al reddito dell’anno precedente, compensi percepiti per attività sportive dilettantistiche (se superiori a € 7.500,00)
  • CERTIFICAZIONI DI ALTRI REDDITI, quali:
    dividendi azionari (se partecipazioni di natura qualificata o se distribuiti da società residenti in paesi a fiscalità privilegiata non negoziati in mercati regolamentati)
    assegno di mantenimento a seguito di separazione legale o divorzio dei coniugi
    altri redditi quali quelli derivanti da diritti d’autore, vendita di terreni a seguito di lottizzazione, cessione di immobili acquistati da non più di cinque anni
  • IMMOBILI, VARIAZIONI PROPRIETÀ in caso di variazioni nella situazione degli immobili, intervenute nei due anni precedenti alla presentazione della dichiarazione è necessaria copia dell’ATTO NOTARILE o della DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
  • IMMOBILI, LOCAZIONE nel caso di immobili per i quali si riscuote un affitto fornire dovrai fornire, per ciascun immobile, l’importo totale del canone riscosso nell’anno precedente. Nel caso di immobili concessi in locazione in regime di cedolare e/o concordato del canone, è necessaria copia del contratto (se i relativi dati non sono già in nostro possesso).
    ACCONTI IRPEF / CEDOLARE versati a Giugno e Novembre, nel caso in cui nell’anno precedente sia stato compilato il modello REDDITI PF o nel caso in cui, in corso d’anno, sia stato effettuato il pagamento direttamente, in banca o posta, occorre copia dei versamenti effettuati

Spese detraibili / deducibili da presentare per la Dichiarazione dei Redditi mod. 730 relative all’anno precedente

  • AFFITTO copia del contratto di locazione per il godimento della detrazione nelle seguenti fattispecie:
    1. Inquilini con contratto “libero”, copia del contratto di locazione al fine del godimento della detrazione
    2. Inquilini con contratto convenzionale, copia del contratto di locazione al fine del godimento della detrazione
    3. Detrazione per canone spettante ai giovani copia del contratto di locazione
    4. Detrazione per trasferimento residenza, certificato di residenza storico qualora si richieda la detrazione per effettuato trasferimento residenza nei tre anni
Altri oneri detraibili / deducibili da presentare per la Dichiarazione dei Redditi mod. 730 relative all’anno precedente

  • Spese veterinarie,
  • Contributi riscatto laurea per persone a carico,
  • Spese per servizi di interpretariato di soggetti riconosciuti sordomuti,
  • Erogazioni a favore di partiti politici, di società ed associazioni sportive dilettantistiche,
  • Contributi a favore di società di mutuo soccorso, di associazioni di promozione sociale, onlus, istituzioni religiose, ecc.
  • Contributi bonifica
    spese sostenute dai genitori adottivi per le pratiche di adozione di minore straniero
  • ASILI, bollettini di pagamento relativi alle rette per gli asili nido (max 632,00 € per ogni figlio fino ai 3 anni d’età)
  • ASSEGNI PERIODICI CONIUGE copia sentenza o dichiarazione personale attestante assegni periodici corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili del matrimonio, dichiarazione attestante le somme corrisposte nell’anno, codice fiscale del soggetto destinatario degli assegni
  • ASSICURAZIONI, Si tratta delle assicurazioni vita (caso morte), infortuni, quelle finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave, quelle che hanno ad oggetto il rischio della non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana. Necessaria la dichiarazione dell’assicurazione attestante somma versata (per le assicurazioni infortuni e vita sono necessarie le dichiarazioni che specifichino la quota detraibile o la condizione di detraibilità).
  • ASSISTENZA A PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI, spese per un importo non superiore a 2.100,00 € sostenute per gli addetti all’assistenza personale (badanti) nei casi di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana: lo stato di non autosufficienza può anche risultare da un certificato medico (non necessario un certificato d’invalidità).
  • ATTIVITÀ SPORTIVE, quietanze delle spese sostenute per ciascun figlio di età compresa fra 5 e 18 anni, per un importo non superiore a 210,00 € ciascuno, per iscrizione annuale e abbonamento ad associazioni sportive, palestre, piscine e strutture sportive.
  • BENI A REGIME VINCOLISTICO, documentazione delle spese sostenute per manutenzione, protezione o restauro di beni immobili soggetti a regime vincolistico. La necessità dell’intervento deve risultare da dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (da presentarsi al ministero per i beni ed attività culturali) se non prevista e disciplinata diversamente dalle norme. La detrazione è cumulabile con quella relativa al 50%, ma ridotta al 50%.
  • CANI DA GUIDA PER NON VEDENTI, documenti attestanti la spesa sostenuta
  • CASA, CREDITO D’IMPOSTA PER VENDITA E RIACQUISTO, copia dei rogiti di vendita e di “riacquisto” di prima abitazione con richiesta benefici prima casa
  • COLF E ADDETTI ALL’ASSISTENZA, ricevute versamento contributi previdenziali per addetti ai servizi domestici e familiari (colf, badanti, ecc.). Attenzione: qualora si tratti di assistenza a persona non autosufficiente è possibile detrarre anche le spese sostenute per retribuzioni nel limite di 2.100,00 € (vedi “assistenza a persone non autosufficienti”)
  • CONTRIBUTI ED EROGAZIONI PER ISTITUZIONI RELIGIOSE, copia dei bollettini di versamento o dei bonifici bancari e/o postali
  • CONTRIBUTI PREVIDENZA INTEGRATIVA, contributi e premi per forme pensionistiche complementari e individuali (c.d. previdenza integrativa) copia del contratto e dichiarazione dei versamenti effettuati rilasciata dalla banca/assicurazione
  • CONTRIBUTI PREVIDENZIALI, ricevute di versamento per contributi previdenziali (ad esempio contributi riscatto laurea, contributi alla cassa professionale, ricongiunzione o contributi “fondo casalinghe”)
  • EROGAZIONI LIBERALI, erogazioni a favore di ONG, di ONLUS, di ENTI UNIVERSITARI E DI RICERCA PUBBLICA, partiti politici, a favore delle popolazioni colpite da calamità pubbliche o da altri eventi straordinari, associazioni sportive dilettantistiche, beni soggetti a regime vincolistico, a favore delle attività culturali ed artistiche, enti dello spettacolo, fondazioni operanti nel settore musicale
  • FUNERARIE spese funerarie sostenute (max 1.550,00 €). La detraibilità non è più limitata alle spese a favore di familiari e non
  • HANDICAP spese sostenute per mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione, la locomozione, il sollevamento, e quelle per sussidi tecnici informatici, relative a portatori di handicap, nonché per l’acquisto di motoveicoli ed autoveicoli adattati (anche non adattati se per il trasporto di non vedenti, sordomuti, soggetti riconosciuti portatori di handicap con gravità e invalidi con grave limitazione della capacità di deambulazione) in relazione agli stessi soggetti; in tali casi è necessario un documento comprovante il riconoscimento dello stato di invalidità o di portatore di handicap
  • IMMOBILI ACQUISTATI O RISTRUTTURATI AL FINE DELLA LOCAZIONE, L’agevolazione riguarda l’acquisto di unità immobiliari a destinazione residenziale di nuova costruzione (invendute al 12 novembre 2014) cedute da imprese di costruzione o cooperative edilizie nonché l’acquisto di unità oggetto di interventi di ristrutturazione edilizia, restauro o risanamento conservativo (cedute dagli stessi soggetti) nonché la costruzione di unità immobiliari su aree edificabili già possedute dal contribuente prima dell’inizio dei lavori. L’immobile deve essere destinato entro sei mesi dall’acquisto o dal termine dei lavori, alla locazione per almeno otto anni. La deduzione è pari al 20% del prezzo d’acquisto, nonché degli interessi passivi relativi a mutui derivanti da mutui contratti per l’acquisto o, se trattasi di costruzione, delle spese sostenute per prestazioni di servizi, derivanti da appalto, attestate dall’impresa, per un limite massimo di 300.000,00 €. La detrazione è ripartita in otto quote annuali di pari importo.
  • IMMOBILI RISTRUTTURATI, ACQUISTO, copia del rogito da cui risulti che l’immobile acquistato dall’impresa ha subito un intervento di restauro o di risanamento conservativo
  • IMMOBILI CLASSE ENERGETICA A O B, ACQUISTO, copia del rogito e documentazione comprovante la classe di appartenenza dell’immobile.
  • INTERMEDIAZIONE IMMOBILIARE, fatture attestanti i compensi pagati a intermediari immobiliari per l’acquisto dell’abitazione principale, per un importo non superiore a 1.000,00 €.
  • MEDICHE E DI ASSISTENZA SPECIFICA (RICOVERO), ricevute spese mediche, dichiarazione attestante spese relative a ricoveri in istituti (questa fattispecie riguarda i soggetti che siano stati riconosciuti invalidi o portatori di handicap – in tal caso fornire anche copia di tale riconoscimento), spese per assistenza infermieristica e riabilitativa, ecc
  • MEDICHE, ricevute relative alle spese mediche sostenute, come ad esempio spese dentistiche, oculistiche, chirurgiche, di analisi, di ricovero, per protesi, ecc. Attenzione: nel caso in cui tali spese siano state parzialmente rimborsate ti chiediamo di fornire un’adeguata documentazione comprovante i rimborsi ottenuti in quanto, in molti casi, tali spese saranno detraibili solo parzialmente. Ti ricordiamo tra le novità la detraibilità delle spese per acquisto di alimenti ai fini medici speciali (inseriti nella sezione A1 del registro nazionale di cui all’art. 7 del decreto del Ministro della Sanità 8 giugno 2001) con esclusione di quelli destinati ai lattanti.
  • MISURE ANTISISMICHE
    le ricevute relative alle spese sostenute nonché
    il documento attestante i pagamenti tramite bonifico bancario.
  • MOBILI (BONUS), ricevuta/fattura delle spese sostenute per mobili o grandi elettrodomestici di classe non inferiore ad A+ (A per i forni) con documentazione da cui risulti il pagamento tramite bonifico o moneta elettronica (ricordiamo che le spese sostenute nell’anno precedente sono detraibili solo per l’unità immobiliare per la quale sia stato fatto un intervento, che ha dato diritto alla detrazione del 50%, in data non anteriore al 1° gennaio 2016). Per quanto riguarda il bonus mobili per le giovani coppie è necessario fornire la documentazione che dimostri la convivenza da almeno 3 anni.
  • MUTUI IPOTECARI E LEASING PER ABITAZIONE PRINCIPALE
    atto di compravendita e atto di mutuo relativi all’abitazione principale (nel caso in cui non sia già stato fornito negli anni precedenti);
    dichiarazione della banca o quietanze attestanti interessi passivi pagati relativi a mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione o, se stipulato a decorrere dal 1998, per la sua costruzione (si ricorda la possibilità di detrarre le spese notarili sostenute per la redazione del contratto di mutuo);
    contratto leasing e dichiarazione attestante somme versate nel corso dell’anno.
  • RISPARMIO ENERGETICO (DETRAZIONE 55%/65%), Detrazione del 55% o 65% per le spese sostenute per una serie di interventi finalizzati al risparmio energetico degli edifici esistenti. La spesa sostenuta, il cui tetto massimo è variabile a seconda del tipo d’intervento, dal 2011 è detraibile obbligatoriamente in 10 quote annuali di pari importo. Le tipologie di intervento sono:
    riqualificazione energetica di edifici esistenti
    interventi sull’involucro di edifici esistenti
    installazione di pannelli solari
    sostituzione di impianti di climatizzazione invernale
    installazione di dispositivi multimediali per il controllo remoto del riscaldamento, produzione acqua calda, climatizzazione.
    Per detrarre queste spese sono necessarie le copie delle fatture e dei relativi bonifici effettuati, copia dell’asseverazione effettuata da un tecnico abilitato, copia dell’attestato di certificazione energetica o di qualificazione energetica, ricevuta dell’invio della documentazione richiesta all’ENEA
  • RISTRUTTURAZIONI IMMOBILI, spese per “ristrutturazioni” d’immobili (detrazione del 50%). Sono necessari:
    tutte le ricevute relative alle spese sostenute nonché
    il documento attestante i pagamenti tramite bonifico bancario.
    Nel caso di spese per ristrutturazioni condominiali è sufficiente la dichiarazione dell’amministratore. Attenzione: rientrano in queste spese quelle relative all’acquisto di un BOX di nuova costruzione che sia pertinenza di abitazione, quelle relative all’acquisto di una caldaia, alle spese per la sicurezza dell’edificio quali porte blindate, cancelletti e antifurto, le spese di messa a norma degli impianti
  • SCUOLA, UNIVERSITÀ, ricevute comprovanti spese per scuola primaria, secondaria primo e secondo grado, università e per corsi di specializzazione universitaria (anche università estere o private) e ricevute relative a spese per la frequenza di scuole d’infanzia (dai 4 ai 6 anni). Sono detraibili anche le somme relative alla mensa.
  • STUDENTI UNIVERSITARI FUORI SEDE, Spese relative a contratto di locazione di immobile destinato ad abitazione di studente universitario a condizione che l’università sia ubicata ad almeno 100 chilometri dal comune di residenza dello studente e in una provincia diversa. La detrazione spetta su un importo massimo di 2.633,00 €. La detrazione spetta anche per i canoni relativi ai contratti di ospitalità, nonché agli atti di assegnazione in godimento o locazione stipulati con enti di diritto allo studio, università, ecc.
  • VIDEOSORVEGLIANZA (CREDITO D’IMPOSTA), fornire copia ricevuta/fattura relativa alle spese sostenute per le spese finalizzate alla prevenzione di attività criminali. Il diritto ha come presupposto che sia stata presentata l’apposita istanza

Presentazione della pratica online

Modello redditi PF (ex Unico)

Compila il seguente Modulo per usufruire del servizio di assistenza fiscale a distanza per il Modello Redditi PF (ex Unico), una volta ricevuti i documenti la pratica verrà elaborata dal nostro ufficio

Prezzi servizio online UNICO

€ 90 Modello PF

€ 45 Modello PF (precompilato)

Modello redditi PF (ex UNICO)
Sede principale
Centro città

Via Brigata Liguria, 105/R
16121 Genova (GE)
Centralino 010 5955217

Assistenza fiscale
caf@cafuci.com

Patronato
genova@patronatoenac.it

Ufficio tecnico
tecnico@cafuci.com

Lavoro domestico
colfbadanti@cafuci.com

Orari

Lun - Ven
08.30 - 12:30 | 14.00 - 18.00

Sedi distaccate
levante

c/o Società Mutuo Soccorso
Via Donato Somma, 17
Genova - Nervi

Sedi distaccate
val bisagno

c/o U.S. Marassi Quezzi Villa Piantelli
Corso De Stefanis, 8/N
Genova – Marassi

c/o Parrocchia S. Siro Succursale Doria
Via Creto, 4
Genova – Struppa

Sedi distaccate
Ponente

c/o Soc. Operaia Cattolica
Via Travi, 64/R
Genova – Sestri Ponente

c/o Centro Civico Comunale
Via Buranello, 1
Genova – Sampierdarena

c/o Croce Rosa
Via Croce Rosa, 2
Genova – Rivarolo

c/o Giardini Peragallo 3
Genova – Pegli

c/o Croce Rossa Italiana
Via E. Guala, 4/r
Genova – Voltri

Call Now ButtonChiama ora